CanicattiNotizie

Servizio antidroga fa scoprire reperti archeologici

Rinvenuti 4 anfore del periodo romano, 3 ceramiche di epoca medievale, 2 anfore dell’'età...

Servizio antidroga fa scoprire reperti archeologici-2
Questa mattina i carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Canicattì, nel corso di un servizio finalizzato al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti e altri reati, hanno eseguito una serie di perquisizioni nel territorio di competenza. Ad Aragona, in due distinte perquisizioni, sono stati rinvenuti beni di particolare interesse archeologico-culturale, di provenienza marina e in violazione delle normative specifiche di tutela.

In particolare, i reperti recuperati hanno un'’epoca storica lunga circa 1800 anni, dal II secolo d.c. all’'anno 1800. I beni rinvenuti sono 4 anfore del periodo romano, di produzione africana, della dimensione che va da un metro a 50 centimetri, 3 ceramiche invetrate di epoca medievale, di circa 25 centimetri di diametro, 2 anfore biansate dell’'età bizantina, della dimensione di  circa 60-70 centimetri  e infine un vaso potorio del XIX secolo.

Nove dei dieci reperti sono stati rinvenuti all’interno dell’'abitazione di A. A., 37 anni, sistemati a scopo ornamentale all'’interno di un salone. Mentre, una delle anfore di età romana sè stata rinvenuta all'’interno dell’abitazione di A.N., 51 anni.

All’'atto del rinvenimento, veniva interessato il reparto di specializzazione dell’'Arma, il Nucleo tutela patrimonio culturale di Palermo, che da una prima sommaria verifica confermava l’'interesse archeologico storico dei reperti. Contestualmente è stato chiesto l’'intervento della Soprintendenza per i Beni culturale e ambientali di Agrigento che nei prossimi giorni eseguirà un esame tecnico inventariale del materiale in sequestro.

L’'attività odierna denota la ricchezza del patrimonio culturale di questa provincia, non ancora del tutto svelato e, analogamente, il proliferare di cosiddetti tombaroli che, nonostante le azioni repressive delle forze dell’'ordine e, in particolare dei reparti specializzati, continuano senza scrupolo a sconvolgere e decontestualizzare siti di immenso interesse storico archeologico. Nulla esclude che il mercato illegale internazionale venga alimentato con beni sottratti al nostro patrimonio storico, rendendo la Sicilia serbatoio da cui attingere reperti archeologici.

Nel corso delle perquisizioni sono stati rinvenuti 300 grammi di sostanza stupefacente, del tipo cannabis indica, posto in sequestro. L'’attività si concludeva con il deferimento di tre persone per ricettazione, impossessamento illecito di beni culturali appartenenti allo Stato e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nave "madre" abbandona barca a pochi metri dall'arenile: è maxi sbarco a Palma

  • Paga una piega ai capelli 150 euro, la parrucchiera: "Non ha voluto resto, mi sono commossa"

  • Amazon a braccia aperte, l'agrigentina Valeria Castronovo: "Ho cambiato vita a 32 anni"

  • Muore al "San Giovanni di Dio", espianto degli organi su una 29enne

  • "Pretendeva tangente da 15 mila euro per garantire la regolarità dei lavori": arrestato funzionario del Genio civile

  • Trovano un portafogli e lo portano alla polizia municipale: hanno appena 13 anni i piccoli già grandi

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento