CanicattiNotizie

Puntano il coltello ad un coetaneo e gli portano via il telefono, denunciati

Si tratta di due giovanissimi di età compresa dai sedici ed i sedici anni

foto archivio

Sono due i giovani canicattinesi denunciati. I ragazzi di appena 15 e 16 anni sono ritenuti responsabili il primo del reato di ricettazione ed il secondo di rapina aggravata dall'uso di armi e ricettazione. Nel mese di settembre, un  quindicenne aveva denunciato che la sera precedente, nei pressi della locale stazione ferroviaria, era stato fermato da due coetanei che, con minacce e puntando un coltello, si erano fatti dare uno smartphone minacciando pesanti ritorsioni se avesse denunciato il fatto.

Il giovane – secondo quanto ricostruito dal commissariato di polizia di Canicattì - non si è piegato all'odioso ricatto e non si è fatto sopraffare dal timore ed ha invece denunciato il delitto. Tempestive indagini dei poliziotti che hanno smascherato l'identità del sedicenne rapinatore che aveva ceduto il telefonino al quindicenne, denunciato per ricettazione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Un big della politica si sposa in gran segreto a Siculiana, ex premier ed ex ministro testimoni

  • Video

    Niente renne, Babbo Natale arriva in 500: domenica speciale al "San Giovanni di Dio"

  • Cronaca

    La Fortitudo Agrigento lotta fino all'ultimo, vince la capolista Roma

  • Cronaca

    Minacce e pietre contro una coppia: la donna finisce in ospedale, denunciato 40enne

I più letti della settimana

  • Esplode la bombola della stufa a gas, tragedia sfiorata a Raffadali

  • Nessuna notizia da 7 giorni: 27enne agrigentino scomparso a Londra

  • Auto si ribalta lungo la statale 115, un ventenne in gravi condizioni

  • Auto sbanda e finisce sulla strada sottostante, in ospedale un 70enne

  • Scomparsa Gessica Lattuca, ancora scritte sui muri: spunta un altro nome

  • Non riescono a rintracciarla e chiamano i soccorsi: 51enne trovata morta in casa

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento