CanicattiNotizie

Puntano il coltello ad un coetaneo e gli portano via il telefono, denunciati

Si tratta di due giovanissimi di età compresa dai sedici ed i sedici anni

foto archivio

Sono due i giovani canicattinesi denunciati. I ragazzi di appena 15 e 16 anni sono ritenuti responsabili il primo del reato di ricettazione ed il secondo di rapina aggravata dall'uso di armi e ricettazione. Nel mese di settembre, un  quindicenne aveva denunciato che la sera precedente, nei pressi della locale stazione ferroviaria, era stato fermato da due coetanei che, con minacce e puntando un coltello, si erano fatti dare uno smartphone minacciando pesanti ritorsioni se avesse denunciato il fatto.

Il giovane – secondo quanto ricostruito dal commissariato di polizia di Canicattì - non si è piegato all'odioso ricatto e non si è fatto sopraffare dal timore ed ha invece denunciato il delitto. Tempestive indagini dei poliziotti che hanno smascherato l'identità del sedicenne rapinatore che aveva ceduto il telefonino al quindicenne, denunciato per ricettazione.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Polizia municipale, respinto il ricorso di Antonica: legittima la nomina di Di Giovanni

  • Cronaca

    Favara, seconda rapina in 13 ore: razziato il supermercato "Paghi poco"

  • Mafia

    Clamorosa ritrattazione di Mario Rizzo: "La mia è stata una falsa collaborazione"

  • Cronaca

    Cucciolo impiccato ad un albero, avviate le indagini per identificare il mostro

I più letti della settimana

  • “Compà, hai fumo? Un pezzo quanto costa?”: giovane chiede droga a un carabiniere

  • Era tornato a fare il bancomat: ritrovato il quindicenne scomparso

  • "Carni e pesce in cattivo stato", sequestrato un quintale di merce: denunciato ristoratore

  • "Cardiologo chiamato per un'urgenza investe e uccide pedone", farmacologo lo scagiona

  • Quindicenne scompare nel nulla, avviate le ricerche su tutta la penisola

  • Traffico di cocaina dal Belgio, spunta l'ex capomafia Giuseppe Quaranta

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento