CanicattiNotizie

"Tre Sorgenti", il commissario Lanza al setaccio di tutti i documenti

Il nuovo funzionario, che prende il posto di Vincenzo Corbo, ha chiesto agli uffici una relazione tecnico amministrativa dettagliata sullo stato di consistenza dei vari acquedotti

FOTO ARCHIVIO

Il nuovo commissario regionale, Lanza, è passato al setaccio di tutti gli atti. Accade al consorzio acquedottistico “Tre sorgenti” di Canicattì. Secondo quanto fatto sapere dall’edizione odierna del Giornale di Sicilia, Lanza, avrà il compito di provvedere in via sostitutiva alla consegna dei relativi acquedotti, reti ed impiantii afferenti al servizio idrico, all’assemblea territoriale Ati Ag9 di Agrigento.

 Il commissario Lanza, che prende il posto di Vincenzo Corbo, ha chiesto agli uffici di Tre sorgenti una relazione tecnico amministrativa dettagliata sullo stato di consistenza dei vari acquedotti.

La situazione, dunque, è assai complessa. Da anni c’è un continuo tira e molla tra l’assemblea dei sindaci, il consiglio d’amministrazione e l’Ati per la consegna delle reti al gestore Girgenti acque. Tutto questo, però, non è mai avvenuto. Oggi il commissario regionale Lanza è passato al setaccio di tutti gli atti, un controllo di fondamentale utilità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • L'omicidio di Furci Siculo, l'assassino di Lorena ai carabinieri: "Non so perché l'ho fatto"

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento