CanicattiNotizie

Coltello in pugno tenta la rapina ad una tabaccheria, fermato un 25enne

Le fulminee indagini dei militari dell'Arma e la piena sinergia con i poliziotti del commissariato hanno permesso, nel giro di pochissime ore, di rintracciare e catturare il presunto autore

Con un coltello in pugno e con il volto parzialmente travisato ha tentato di rapinare una tabaccheria di viale Carlo Alberto a Canicattì. Le fulminee indagini dei militari dell'Arma e la piena sinergia con i poliziotti del commissariato cittadino hanno permesso, nel giro di pochissime ore, di rintracciare e catturare il presunto autore. Si tratta di un venticinquenne romeno al quale è stata contestata l'ipotesi di reato di tentata rapina a mano armata.

L'uomo era entrato in una nota tabaccheria del centro di Canicattì, armato di coltello e parzialmente incappucciato. Dopo aver minacciato il cassiere ha tentato di avvicinarsi al registratore di cassa, ma la pronta reazione dei gestori in quel momento presenti lo ha indotto a desistere e a scappare a piedi.

Il titolare della tabaccheria, nel frattempo, ha dato l’allarme alla polizia di Stato e gli agenti del commissariato di Canicattì si sono immediatamente precipitati sul posto. I carabinieri della compagnia di Canicattì, grazie alle testimonianze raccolte e alla visione delle telecamere a circuito chiuso dell’esercizio commerciale, hanno realizzato un identikit dell’autore che è stato rintracciato: indossava ancora la stessa felpa e le stesse scarpe di ginnastica

ll giovane è stato posto in stato di fermo. L’accusa contestata è quella di tentata rapina a mano armata. Su disposizione del sostituto procuratore di turno, titolare del fascicolo d'inchiesta subito aperto, il romeno è stato trasferito in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Autovelox alla rotonda degli scrittori: raffica di multe, il telelaser incastra invece i più audaci

  • Incidente fra auto e moto, 3 feriti: uno è grave e l'altro era senza patente

  • Trovati i "pizzini" e il "libro mastro": i due fratelli applicavano tassi usurai che arrivavano al 120%

  • "Hanno incassato 80 mila euro su un prestito di 25, ma ancora volevano soldi": fermati due fratelli

  • Maxi truffa all'Inail, sequestro da 130mila euro nei confronto di un oleificio

  • Alberi e detriti per strada, il sindaco: "Non uscite da casa se non necessario"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento