CanicattiNotizie

Carenza d'organico in ospedale, scongiurata la chiusura del reparto di chirurgia

Sulla vicenda è intervenuta l'Asp di Agrigento, che ha individuato in Carmelo Sciumè, primario al San Giovanni di Dio, il medico a cui affidare ad interim l'incarico

La chiusura del reparto di chirurgia dell'ospedale "Barone Lombardo" di Canicattì è stata scongiurata. Il caso si è acceso dopo la domanda di pensionamento del primario, responsabile del reparto, che è andato in ferie, lasciando scoperto il reparto, dal momento che il suo vice è in malattia.

LEGGI ANCHE: PRIMARIO IN FERIE E VICE IN MALATTIA

Sulla vicenda è intervenuta l'Asp di Agrigento, che - si legge sul quotidiano La Sicilia - ha individuato in Carmelo Sciumè, primario di chirurgia al San Giovanni di Dio, il medico a cui affidare ad interim il reparto, finché la situazione non torni alla normalità.

Sulla carenza d'organico all'ospedale di Canicattì, è intervenuto anche il deputaro regionale Gaetano Cani, componente della commissione Sanità all'Ars. "Ho informato di quello che sta accadendo in questi giorni all’ospedale di Canicattì, l’assessore alla Salute Baldo Gucciardi - ha fatto sapere in una nota - . L’assessore mi ha assicurato un suo immediato intervento e già la prossima settimana arriveranno delle novità importanti, per la chirurgia, il pronto soccorso ma anche per gli altri reparti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In commissione Sanità – conclude Cani - abbiamo approvato anche un atto di indirizzo per le  Università chiedendo  l’abolizione del numero chiuso per chi vuole iscriversi in medicina. In questi anni, purtroppo, il numero di medici è calato in maniera vertiginosa creando le criticità che ci troviamo ad affrontare  giorno dopo giorno e che non riguardano soltanto l’ospedale di Canicattì ma tutte le strutture sanitarie della Sicilia. Un esempio: al Sant’Elia di Caltanissetta, per sopperire alla carenza di medici nel settore emergenza- urgenza (pronto soccorso) vengono impiegati  dottori che prestano servizio nelle guardie mediche della città". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'università: "Calo dei contagi, l'epidemia in Sicilia finirà prima che altrove"

  • Aveva febbre e diarrea: morto un ghanese 20enne, scatta il protocollo sanitario per Covid-19

  • Favara saluta Lorena con i lenzuoli bianchi, i familiari del presunto omicida: "Persa una figlia"

  • L'epidemia da Coronavirus si allarga: primi contagiati a Naro e Ravanusa

  • Rientra in città dal Nord e in famiglia scoppia il parapiglia: accorre la polizia

  • Secondo tampone positivo in meno di 24 ore a Ravanusa: è un focolaio diverso, per l'Asp gli infetti sono 85

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento