CanicattiNotizie

Chiesto un maxi risarcimento milionario, il Comune a giudizio

Nelle motivazioni si adduceva “il recesso anticipato dal contratto e la violazione della buona fede pre contratto nella fase precedente la stipula dello stesso”

E’ stato chiesto un maxi risarcimento milionario al Comune di Canicattì. L’Ente è pronto a costituirsi in Corte d’Appello a Palermo per riuscire a resistere al ricorso dei proprietari di locali che ospitavano gli uffici giudiziari. Proprio loro si sono visti bocciare dal giudice di Agrigento una richiesta di risarcimento milionario per un'anticipata unilaterale rescissione del contratto di affitto.

Secondo quanto fa sapere l’edizione odierna del Giornale di Sicilia, le casse del Comune sono perennemente in rosso, il giudice della sezione Civile del tribunale di Agrigento, ha rigettato la richiesta dei proprietari degli edifici. Un privato cittadino aveva chiesto due milioni e mezzo di euro di risarcimento. L'ente, attraverso un’avvocatura comunale,  si è costituito in giudizio. Nelle motivazioni a base della richiesta di risarcimento danni si adduceva “il recesso anticipato dal contratto e la violazione della buona fede pre contratto nella fase precedente la stipula dello stesso”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Va a dare da mangiare agli animali e raccogliere verdura: non torna più a casa, 53enne ritrovato morto

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Temporali, vento e grandine: strade chiuse, crolli, alberi caduti ... ma Licata è in ginocchio

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento