CanicattiNotizie

Telefonate anonime mute o ricche di insulti, denunciato il 55enne molestatore

L'attività investigativa dei poliziotti ha permesso di identificare l'uomo che chiamava con insistenza il sessantenne

Per alcune settimane, a qualsiasi ora del giorno e della notte, ha ricevuto una raffica di telefonate anonime sul cellulare. Molte, delle chiamate, erano mute. Altre, dal tenore altamente offensivo: farcite di parolacce e insulti. Ad un certo punto, il canicattinese vittima delle molestie telefoniche non ce l'ha fatta più e si è rivolto al commissariato. Il sessantenne canicattinese ha raccontato ogni dettaglio del "tormento" che stava vivendo. E i poliziotti del commissariato hanno subito avviato le indagini. Sono stati acquisiti i tabulati telefonici e tutto è stato accuratamente passato in rassegna. 

Molestie al cellulare, App e polizia scoprono l'autrice: è la sua migliore amica nonché amante del marito 

Un'attività investigativa che ha permesso di identificare l'uomo che chiamava con insistenza il sessantenne canicattinese. Si tratterebbe di un cinquantenne residente in un'altra provincia che è stato, nelle ultime ore, denunciato, in stato di libertà, alla Procura della Repubblica di Agrigento. L'ipotesi di reato contestata è molestie telefoniche. 

Il motivo - o movente - di tutte quelle telefonate anonime, trasformatesi appunto in molestie, non è chiaro. I poliziotti stanno ancora cercando di capire se fra i due vi erano o meno rapporti di conoscenza. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

  • Uno dei migliori direttori di McDonald's del mondo è agrigentino, ecco la storia di Pietro Luparello

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento