CanicattiNotizie

Rifiuti, è braccio di ferro tra Comune e ditte Sea e Iseda

L'ente vuole decurtare dal pagamento mensile alcuni servizi che non avrebbe ricevuto, ma i privati non ci stanno

Una veduta di Canicattì

E' braccio di ferro tra l'Amministrazione comunale di Canicattì e le ditte che si occupano della raccolta e lo smaltimento dei rifiuti utilizzando l'area dell'ex Foro Boario. Lo racconta l'edizione ordierna del Giornale di Sicilia.

Il Municipio, infatti, sarebbe pronto a defalcare dagli acconti i servizi non prestati dalle imprese. "In queste ore - dice il quotidiano palermitano - dovrebbe essere reso noto il contenuto di un provvedimento, molto probabilmente una determinazione dirigenziale adottato dal funzionario in prorogatio Angela Carrubba, con cui si mette nero su bianco quanto l'amministrazione comunale ritiene di non aver ricevuto in servizi previsti dal contratto-capitolato d'oneri".

Il raggruppamento Sea-Iseda, invece, accusa il Comune di non essere stato capace di reprimere il fenomeno dell'abbandono dei rifiuti e di non aver fornito alle ditte, tra le altre cose, le aree in cui realizzare le isole ecologiche.

La replica delle ditte

“Con l'amministrazione comunale di Canicattì, c'è la massima collaborazione per risolvere il problema del fenomeno delle discariche abusive. E soprattutto non esiste alcuno scambio di accuse. L'obiettivo comune, è quello di risolvere i problemi legati a chi non differenzia e sporca senza alcun rispetto per gli altri”. L'amministratore unico della Sea, Gianni Mirabile, interviene sulle nuove, ennesime notizie diffuse da alcuni organi di stampa che, senza alcun fondamento, sostengono che ci sia in atto, una sorta di scambio di accuse tra Aziende della Rti Sea-Iseda ed Ecoin e il Comune in relazione a quanto si verifica a Canicattì su tematiche ambientali. “Il nostro appello dei giorni scorsi – aggiunge Mirabile – non era affatto un attacco all'amministrazione ma un grido d'allarme contro gli incivili che vanificano quanto di buono viene fatto da coloro che la differenziata la fanno con correttezza e senso civico. Con il Comune, a dispetto di quanto qualcuno sostiene e diffonde in maniera non corretta e strumentale, c'è comunicazione e rispetto del lavoro altrui e anche per quanto concerne i controlli con le telecamere stiamo lavorando in sinergia e non in polemica”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tromba d'aria a Licata: tetti scoperchiati e case danneggiate

  • Temporali e venti da tempesta, per la Protezione civile è allerta "arancione": scuole chiuse

  • Incidente sul lavoro: arrotato da un trattore muore un imprenditore di 56 anni

  • "Allerte meteo non siano scusa per chiudere le scuole", ecco la stoccata della Protezione civile

  • Carreggiate invase dal fango e torrenti in piena: ecco quali strade sono state chiuse

  • Si affaccia al balcone e si masturba: 45enne allontanato per un anno

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento