CanicattiNotizie

Strade pericolose, oltre allo Street control arrivano due autovelox

L'assessore Di Benedetto: "Non vogliamo far cassa, ma vogliamo evitare che si registrino incidenti stradali"

(foto ARCHIVIO)

Oltre allo Street Control, a Canicattì, arriverà anche l'autovelox. La polizia municipale si adegua alle nuove tecnologie e cerca di contrastare gli automobilisti indisciplinati. L'annuncio dell'acquisto di due autovelox - secondo quanto riporta oggi il quotidiano La Sicilia - è stato fatto dall'assessore alla Polizia municipale Fabio Di Benedetto che ha confermato l'impegno delle somme da parte del Comune. Nel corso dell'anno appena trascorso sono state elevate 6 mila contravvenzioni per il mancato rispetto del codice della strada. 

"Per l'anno 2020, abbiamo avviato le procedure per l'acquisto dello Street Control che voglio definire un 'deterrente educativo' - ha spiegato, al quotidiano, l'assessore Di Benedetto - . Allo stesso tempo, piazzeremo nelle zone che riteniamo più pericolose gli autovelox. Non vogliamo far cassa, ma vogliamo evitare che si registrino incidenti stradali". Anche a Canicattì, a causa di "Quota 100", saranno diversi gli agenti della polizia municipale che - durante l'anno in corso - andranno in pensione. "Cercheremo di far fronte alla carenza di personale - conclude l'assessore Di Benedetto - con l'aumento delle ore al personale part time". Al comando della polizia municipale di Canicattì vi sono in servizio 34 vigili di cui 18 part time.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade dal carro di Carnevale ed è tragedia: morto un bimbo di 4 anni

  • Psicosi Coronavirus, dirigenti scolastici sospendono le gite

  • Coltello alla mano si scaglia contro la moglie e la colpisce alla tempia: 58enne arrestato per tentato omicidio

  • Non ha soldi nemmeno per i vestiti e la biancheria, reclusa chiede aiuto ai "Volontari di Strada"

  • Un empedoclino a "Uomini e Donne", Giovanni alla "corte" di Gemma

  • Pizzo sullo stipendio, dipendente in aula: "Restituivamo i soldi per non essere licenziate"

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento