CanicattiNotizie

Associazione "Amici del giudice Livatino", via al tesseramento 2019

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di AgrigentoNotizie

Appuntamento domani, venerdì 15 febbraio, alle 19,00 nella sala “Santa Famiglia” della parrocchia di S. Chiara a Canicattì per gli estimatori del Giudice Rosario Angelo Livatino e non solo.

Il direttivo dell’associazione “Amici del Giudice Rosario Angelo Livatino” ha indetto per il tardo pomeriggio di domani l’assemblea di avvio attività sociali per l’anno 2019 e contestualmente il rinnovo del tesseramento per i vecchi Soci ed il ricevimento delle nuove richieste degli aspiranti soci.

“Per l’occasione -dice Valentina Garlandi, presidente dell’Associazione Livatino- abbiamo pensato di lanciare la campagna associativa per l’anno appena iniziato e provvederemo a ricevere le richieste di iscrizione di quanti vorranno associarsi che saranno esaminate dal direttivo. Sarà fatto anche il punto di quanto svolto nel 2018 culminato con la conclusione della fase diocesana del processo di Canonizzazione e l’invio del carteggio alla Congregazione per la Causa dei Santi in Vaticano, illustreremo le prossime iniziative e daremo conto sulla situazione della nostra associazione”.

Le quote ordinarie sono rimaste invariate anche per quest'anno sociale: 25 euro per gli adulti  e 10 euro per gli studenti o comunque sino a 25 anni di età.  Sottoscrivendo la quota i soci avranno diritto ad essere informati di tutte le iniziative che si svolgeranno in città ed anche fuori in Memoria del servo di Dio Rosario Livatino nonché per coloro che non risiedono a Canicattì anche l'invio a casa del “bollettino della Postulazione” ed eventualmente del periodico “Opinioni” edito dall’associazione “Tecnopolis”. L’incontro di domani che inizierà alle 19  è comunque aperto a tutti, anche ai non iscritti e a quanti non hanno intenzione di iscriversi. Un invito particolare ai sacerdoti e diaconi di Canicattì nonché ai gruppi religiosi e di preghiera e alle associazioni.

Torna su
AgrigentoNotizie è in caricamento